News

RIENTRI DALL'ESTERO: REGOLE AGGIORNATE

Con la Circolare del 29 marzo il Ministero della Salute ha prorogato fino al prossimo 30 aprile le disposizioni per ingresso o rientro in Italia da stati esteri in vigore dalla fine di febbraio.

Con la Circolare del 29 marzo il Ministero della Salute ha prorogato fino al prossimo 30 aprile le disposizioni per ingresso o rientro in Italia da stati esteri in vigore dalla fine di febbraio.

Ne riportiamo qui di seguito i contenuti principali.

Rientro/Ingresso in Italia

Non è più rilevante lo stato estero da cui si rientra; le disposizioni sono state parificate e sono applicabili in tutti i casi.

Da parte dei viaggiatori sarà necessario esibire a chiunque sia adibito ai controlli:

  • il DPLF (Digital Passenger Locator Form), come già previsto in precedenza;
  • la Certificazione verde COVID-19 (Green Pass o documento equipollente) che potrà essere ottenuta a seguito completamento del ciclo vaccinale con le tempistiche attualmente previste, a seguito guarigione da infezione Covid19 oppure anche a seguito effettuazione di test antigenico rapido o molecolare, per mezzo di tampone, rispettivamente entro le 48 o 72 ore prima dell’ingresso in Italia


Isolamento fiduciario (5 giorni)

L'isolamento fiduciario (quarantena) della durata di 5 giorni è previsto solo nel caso in cui il viaggiatore non presenti nessuna delle Certificazioni Covid-19 sopra indicate.
Al termine di questo periodo si dovrà sottoporsi ad un test antigenico o molecolare per mezzo di tampone nasale/orofaringeo/rinofaringeo.
Obbligatoria anche la comunicazione all’Azienda Sanitaria Locale di competenza per la presa in carico da parte della stessa.


Minori

Tutti i bambini di età inferiore a 6 anni in ingresso in Italia sono sempre esentati da tampone pre-partenza; gli stessi sono esentati anche dall’isolamento fiduciario nel caso in cui il genitore accompagnatore con cui viaggiano non abbia questo obbligo.

Per i minori di età superiore o uguale a 6 anni valgono invece le sopraindicate regole previste per gli adulti.


Potete consultare la pagina completa del portale del Ministero della Salute qui.

questo link invece il testo dell'Ordinanza



Lo staff di ACONS rimane a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

Lavoriamo per offrire ai nostri clienti soluzioni che permettano di far crescere in sicurezza le persone, le aziende e le istituzioni agendo sul miglioramento continuo.

Tieniti informato, rimani in contatto con Acons

Contattaci per qualsiasi informazione a info@acons.it