TUTELA DELLA PRIVACY - NOVITA' SU VIDEOSORVEGLIANZA

10/09/2018
Con la sentenza 38882/2018 la Cassazione ribadisce che il consenso scritto dei lavoratori non può costituire un valido

VIRUS WEST NILE ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

27/08/2018
Che cosa è e come si trasmette il virus? Il virus viene trasmesso dalle zanzare, che si infettano pungendo gli

LOCALI INTERRATI: PERICOLO GAS RADON

27/03/2018
Il Gas Radon è prodotto dal suolo e dalle rocce, fuoriesce e si diluisce nell’atmosfera e se penetra in un ambiente

IL LAVORO IN SOLITUDINE A SCUOLA

27/03/2018
COSA SIGNIFICA "LAVORARE IN SOLITUDINE"? Le persone «tenute a lavorare da sole» sono coloro alle quali non si può

D.Lgs 81/2008: LA NOMINA DEL RSPP E' UN OBBLIGO DEL DATORE DI LAVORO

07/11/2017
Il D.Lgs 81/2008 dice che le imprese sono tenute alla designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e

SORVEGLIANZA NELLA SCUOLA: QUANTO E’ IMPORTANTE L’ORGANIZZAZIONE? QUALI SONO LE RESPONSABILITA’? E DI CHI SONO?

27/07/2017
Quando chiedo al personale delle Scuole dell’Infanzia e degli Asili Nido informazioni sull’organizzazione della sorveglianza dei bambini nei vari momenti della giornata (accoglienza, attività, gioco, gite, ecc.), mi sento sempre rispondere: “Certo che facciamo la sorveglianza! Siamo brave e attente noi.” Non lo metto in dubbio. Ma quando chiedo approfondimenti sulle modalità di gestione della sorveglianza, o sulle responsabilità del soggettive del personale … allora iniziano i dubbi.
 
“Bologna, due bambini si allontanano indisturbati dalla scuola materna e vagano soli per la città”. (fonte: sito www.repubblica.it)
Sembra incredibile! Eppure è un fatto vero accaduto a Bologna l’11 luglio 2017. Due bambini sono usciti da una scuola dell’infanzia del centro di Bologna verso mezzogiorno e hanno percorso, da soli, più di mezzo Chilometro, arrivando nei pressi di una Trattoria la cui proprietaria ha prontamente chiamato la Polizia. Per fortuna alla fine non è successo niente.
Ma come è potuto accadere? Sembra che alcune insegnanti fossero in quel momento impegnate in una riunione; ad ogni modo qualcosa nel sistema di controllo non ha funzionato tanto da permettere a due bambini di 5 anni di uscire dalla scuola senza essere visti. I genitori dei due bimbi nei prossimi giorni potrebbero decidere di denunciare la scuola per omesso controllo e verrà condotta un’istruttoria per accertare la responsabilità dei fatti. Il personale della scuola riferisce che molto probabilmente i bambini sono usciti azionando da soli il pulsante di apertura del cancello…….”
Facendo una veloce ricerca in rete ci si rende conto che purtroppo quello di Bologna non è stato un caso isolato, recentemente sono successi fatti simili a Bari e in provincia di Potenza che per fortuna hanno avuto un esito positivo.
 
Il punto è, senza far processi, che basta un attimo di distrazione per perdere di vista i bambini. E’ l’esperienza comune a molti di noi che hanno smarrito il figlio in spiaggia, nonostante lo tenessero sotto controllo con attenzione. Ammesso dunque che un errore, per quanto grave e con conseguenze potenzialmente tragiche, può succedere a chiunque, è necessario interrogarsi sia sul funzionamento della scuola sia sulle responsabilità in tema di sorveglianza per evitare che episodi del genere continuino ad accadere.
 
È indispensabile un lavoro sull’organizzazione interna e sulle modalità di comportamento di TUTTO il personale per evitare che episodi simili si ripetano nuovamente. Per espletare in maniera completa la vigilanza sui minori sono necessari: osservazione, presenza, attenzione continua e soprattutto segnalazione alla Direzione di quanto accade. L’obbligo di vigilanza ha un rilievo primario e prevale in ipotesi di concorrenza di più obblighi.
 
Molto spesso queste ”distrazioni” sono dovute ad una bassa percezione del rischio o a problemi organizzativi; si pensa che “questo a noi non può accadere”.
Dovete sapere che:
  • L’80% degli infortuni sul lavoro è determinato da errori comportamentali o da carenze organizzative;
  • Nel 90% dei casi gli incidenti stradali sono dovuti ad errore umano.
 
Questi due esempi dovrebbero bastare per far comprendere come sia importante lavorare proprio sulla percezione del rischio e sulle modalità di organizzazione/gestione della giornata.
 
Come fare?
Bella notizia. Non serve investire risorse economiche di chissà quale entità. Un po’ di formazione, alcune regole comportamentali, ed il gioco è fatto
 
Acons Srl può accompagnarvi in questo percorso attraverso incontri formativi con il personale e mediante la collaborazione nella stesura di alcune norme comportamentali al fine di fornire pratici strumenti per svolgere con la massima tranquillità la propria attività ma con la consapevolezza delle proprie responsabilità in merito alla sorveglianza sui minori.
 
Per informazioni più dettagliate sugli incontri sulla Responsabilità del Personale vi invitiamo a contattarci
045/8601068
info@acons.it.

 
Acons Srl - sicurezza e formazione del personale - privacy - sistemi di gestione - haccp - piani di autocontrollo - sicurezza alimentare - corsi di formazione - ambiente - medicina del lavoro - prevenzione incendi -  Verona - Villafranca - Dossobuono