TUTELA DELLA PRIVACY - NOVITA' SU VIDEOSORVEGLIANZA

10/09/2018
Con la sentenza 38882/2018 la Cassazione ribadisce che il consenso scritto dei lavoratori non può costituire un valido

VIRUS WEST NILE ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

27/08/2018
Che cosa è e come si trasmette il virus? Il virus viene trasmesso dalle zanzare, che si infettano pungendo gli

LOCALI INTERRATI: PERICOLO GAS RADON

27/03/2018
Il Gas Radon è prodotto dal suolo e dalle rocce, fuoriesce e si diluisce nell’atmosfera e se penetra in un ambiente

IL LAVORO IN SOLITUDINE A SCUOLA

27/03/2018
COSA SIGNIFICA "LAVORARE IN SOLITUDINE"? Le persone «tenute a lavorare da sole» sono coloro alle quali non si può

D.Lgs 81/2008: LA NOMINA DEL RSPP E' UN OBBLIGO DEL DATORE DI LAVORO

07/11/2017
Il D.Lgs 81/2008 dice che le imprese sono tenute alla designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e

INAIL: NUOVO OBBLIGO COMUNICAZIONE INFORTUNI

25/10/2017
Dal 12 ottobre 2017 diventa obbligatorio comunicare all' INAIL anche l'infortunio di un solo giorno (escluso quello dell'evento).
Per la precisione si tratta di una comunicazione ai soli fini statistici - informativi per tutti gli infortuni con prognosi da uno a tre giorni (escluso quello dell'evento). Difatti, soltanto gli infortuni con prognosi superiore ai 4 giorni (compreso quello dell'evento) sono indennizzati dall'Inail e per tali eventi l'obbligo continuerà ad essere assolto tramite la denuncia ai fini assicurativi (ex art. 53 del DPR n. 1124/1965).
Trattasi di una delle novità introdotte dal decreto n. 183 del 25 maggio 2016 del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, con cui è stato previsto l'istituzione del SINP, ossia il sistema informativo nazionale per la prevenzione sui luoghi di lavoro, volto all'obiettivo di sensibilizzare e incrementare la sicurezza sui luoghi di lavoro.
Tale decreto ha previsto l'obbligo di comunicazione all'Inail degli infortuni con prognosi di almeno un giorno, oltre a quello del verificarsi dell'evento, a partire dal 12 aprile 2017, prorogato poi dal dal Decreto Milleproroghe a partire dal 12 ottobre 2017.

OBBLIGO PER IL DATORE DI LAVORO
Il datore di lavoro a seguito di questa novità sarà obbligato a comunicare in via telematica all'Inail il verificarsi dell'evento, entro 48 ore dalla ricezione del relativo certificato medico.
Per evitare fraintendimenti, è importante fare chiarezza e distinguere tra comunicazione e denuncia obbligatoria all'Inail:

 - comunicazione: assenza da 1 a 3 giorni per infortunio sul lavoro, a fini statistici e informativi;
 - denuncia: assenza superiore a 3 giorni per infortunio sul lavoro, a fini assicurativi.

Se, dopo aver inviato la comunicazione, l'assenza si prolunga oltre il terzo giorno, andrà integrata con i dati previsti per la denuncia. Al contrario, per infortuni con prognosi superiore a tre giorni, le finalità statistiche sono già coperte dalla denuncia.
 
OBBLIGO PER IL LAVORATORE
Il lavoratore in caso di infortunio sul lavoro o in itinere dovrà tempestivamente avvisare il datore di lavoro, rivolgendosi al medico aziendale ove presente, al pronto soccorso o al medico curante.

SANZIONI PER IL DATORE DI LAVORO
Il mancato invio della comunicazione prevederà l'applicazione di una sanzione da 548 euro a 1.072,80 euro, per gli eventi da uno a tre giorni, mentre per gli eventi superiori a tre giorni le sanzioni previste saranno da 1.096 a 4.932 euro.

Per maggiori informazioni www.inail.it