I Sistemi di Gestione Qualità Ambiente e Sicurezza: dalla FORMA alla SOSTANZA

24/10/2018
La recente pubblicazioni delle “nuove” norme 9001, 14001 e 45001, ha visto, tra gli aspetti più significativi,

BRC GLOBAL STANDARDS

26/09/2018
BRC Global standards   CHE COS'È Il BRC Global Standard for Food Safety è nato nel 1998 per garantire che

SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA ALIMENTARE

26/09/2018
Le norme ISO (ISO 22000, ISO 9001, ISO 22005) UNI (UNI 10854, UNI 11381), così come gli standard della GDO

TUTELA DELLA PRIVACY - NOVITA' SU VIDEOSORVEGLIANZA

10/09/2018
Con la sentenza 38882/2018 la Cassazione ribadisce che il consenso scritto dei lavoratori non può costituire un valido

VIRUS WEST NILE ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

27/08/2018
Che cosa è e come si trasmette il virus? Il virus viene trasmesso dalle zanzare, che si infettano pungendo gli

VIRUS WEST NILE ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

27/08/2018
Che cosa è e come si trasmette il virus?
Il virus viene trasmesso dalle zanzare, che si infettano pungendo gli uccelli e a volte trasmettono il virus anche ad ospiti accidentali come il cavallo e l’uomo. Il vettore non è la zanzara tigre bensì la nostra zanzara comune notturna, la Culex pipiens, che punge dal tramonto all’alba.
L’uomo, anche se infetto, non può trasmettere il virus ad altre persone. Una persona infetta non è contagiosa.

Qual è la situazione nel Veneto?
In Veneto si sono registrati un centinaio di casi di contagio accertati e si sono verificati 5 decessi a causa del Virus. Le persone decedute erano anziane e presentavano già altre patologie.

Cosa sta facendo la Regione Veneto per gestire la situazione?
Sul fronte del controllo preventivo e della tempestiva segnalazione, la Regione Veneto ha da tempo avviato un piano di monitoraggio per il controllo della possibile presenza del virus nelle zanzare.
Nello stesso ambito l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) di Legnaro (PD) è impegnato sul fronte del monitoraggio della presenza di zanzare infette, mediante il posizionamento di trappole per gli insetti. In questo modo si è potuta rilevare la presenza di West Nile Virus in alcuni pool di zanzare catturate, site nella parte sud della provincia di Verona.
È inoltre in atto un protocollo operativo che prevede, in seguito alla segnalazione di casi umani certi, la tempestiva segnalazione ai sindaci dei comuni interessati, per permettere loro di mettere in atto le misure di contrasto necessarie per ostacolare la proliferazione delle zanzare.

Cosa possiamo fare per prevenire il contagio?
Per ridurre il rischio di trasmissione del Virus West Nile, la misura preventiva più efficace è quella di evitare la puntura di zanzare, adottando misure di protezione individuali che impediscono e riducono al minimo, le punture di zanzara comune.
In generale per tutti è necessario osservare queste precauzioni:
  • indossare abiti di colore chiaro (i colori scuri ed accesi attirano gli insetti), con maniche lunghe e pantaloni lunghi, che coprano la maggior parte del corpo quando si è all’aperto, soprattutto dall’alba al tramonto;
  • evitare l’uso di profumi e dopobarba perché attraggono le zanzare;
  • impiegare prodotti repellenti sulle parti del corpo che rimangono scoperte durante l’attività all’aperto, nei casi di attività particolarmente esposte alle punture (agricoltori, giardinieri, ecc.); è comunque necessario porre particolare attenzione al loro utilizzo su donne gravide e bambini di età inferiore a 12 anni;
  • alloggiare in locali con aria condizionata o con finestre dotate di zanzariere, verificando che queste siano integre e ben chiuse;
  • ricorrere, in caso di presenza di zanzare all’interno dell’abitazione, all’impiego saltuario di preparati commerciali (bombolette) a base di piretro, i cui componenti si degradano rapidamente dopo che l’ambiente sia stato ben ventilato.
In particolare per i bambini delle Scuole dell'infanzia suggeriamo di prevedere le attività all'interno delle strutture e di uscire nei giardini solo se necessario. Inoltre vi suggeriamo caldamente di prendere tutte le precauzioni sopra riportate.
 
E' fondamentale l’impegno e la collaborazione di tutti, al fine di eliminare o ridurre il più possibile i focolai di replicazione delle zanzare nelle proprietà private, trattando adeguatamente o rimuovendo i bidoni od altri recipienti di raccolta dell’acqua per gli orti o simili, nonché tutte le raccolte d’acqua, anche piccole, ivi compresi i sottovasi.
 
Fonti:
www.aulss9.veneto.it
www.corrieredelveneto.corriere.it